GLi Amici di Happy Family Onlus continuano sempre a supportare  il migliroamento della residenzialità dei bambini nei reparti pediatrici.
Questa volta abbiamo consegnato ieri al reparto T.I.P. ( Terapia Intensiva Pediatrica) del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma, dei nuovi lettori dvd portatili e degli orologi da parete ad hoc per i bambini. Piccoli interventi pur sempre utili per sostenere costantemente i nostri reparti pediatrici.
Happy Family è la Onlus che...non si ferma mai .

 

Grande entusiasmo a Roma presso la sede romana della l'Unione Italiana Ciechi per il Corso di Manovre Disostruzione Pediatriche organizzato dal Dott. Marco Squicciarini con un gruppo di Istruttori Volontari sostenitori di Happy Family Onlus.Questo è il terzo incontro che si è tenuto a Roma : il primo a maggio, il secondo a giugno e il terzo il 4 luglio.A tutti i partecipanti ( mamme non vedenti ed accompagnatori volontari) è stato donato l'Audiolibro che insegna a salvare un bambino realizzato da Happy Family Onlus ( in italiano ed inglese), e dopo un'ora di lezione teorica, si è passati allaparte pratica con simulazione su manichini di bambino e lattante.

Piu' delle nostre parole, il commento di una delle ragazze cieche presenti al corso: Stefania ha voluto condividere le sue emozioni, i suoi pensieri.La prossima settimana proseguiremo con il Corso di Rianimazione Cardiopolmonare adulto - bambino - lattante, ANCHE con uso del defibrillatore, perchè imparare a salvare un bambino è patromonio dell'Umanità , e noi di Happy Family Onlus lo sappiamo bene.Il corso certificativo BLSD-PBLSD per le mamme cieche è stato donato dal Happy Family Onlus e dai suoi Volontari.

Il viaggio...prosegue.

 

 

Lettera di Stefania, una ragazza NON VEDENTE dopo il corso manovre disostruzione pediatriche realizzato il giorno 4 luglio a Roma presso l'Unione Italiana Ciechi.


Pubblico con il consenso di Stefania, la sua lettera che ho ricevuto ieri sera alla fine del corso manovre disostruzione pediatriche che abbiamo fatto con gli Istruttori della Salvamento Academy presso l'Unione Italiana Ciechi a ben 18 persone tra non vedenti ed accompagnatori.
Le emozioni che noi Istruttori abbiamo vissuto sono state davvero molte.Ci siamo resi conto della assoluta necessità di coinvolgere sopratutto una mamma che ha una diversa abilità ,per poter intervenire in caso di bisogno.
Il progetto a cui lavoro da diversi anni, e condiviso con molti volontari in giro per l'Italia, ha visto conivolta anche Nadia Bessone del Piemonte, ed in ultimo Fabio Schembri laurendo della Facoltaà Di Medicina di Tor Vergata del Corso di Laurea in Sceinze Infermieristiche che addirittura ne ha fatto una fantastica tesi sperimentale.
Piu' delle nostre parole, i commenti scritti da Stefania,che piu' che MAI ci hanno fatto comprendere l'importanza ( se mai ce ne fosse stato bisogno) di fare in modo che NESSUNA madre, padre, nonno resti escluso da questo progetto, e che le DIVERSE ABILITA' sono quelle che vivono nella mente di persone miopi che non si rendono conto che precludere questo corso ad una mamma cieca o sorda è un atto di assoluta inciviltà.

Ho scoperto solo dopo,che in diverse regioni corsi BLSD- PBLSD sono già stati fatti.
Prendiamo esempio e ...non fermiamoci piu' davanti ai "muri di gomma".

Venerdi' 12 luglio Stefania sarà MIA personale ospite ( e degli Istruttori del Centro di Formazione) insieme a tanta altre persone, e sarà abilitata alle manovre di rianimazione cardiopolmonare adulto-bambino-infante con uso del defibrillatore e manovre disostruzione...come TUTTI gli altri.

E questo....è solo l'inizio.


Roma li' 5 luglio 2013

Lettera di Stefania,ragazza cieca di 22 anni dopo il corso di manovre disostruzione pediatriche.

"Ciao Marco, rieccomi a comunicarti le mie impressioni, che già in parte ti ho largamente espresso ieri.
Innanzitutto, volevo iniziare col dirti che il problema dell'ostruzione
delle vie aeree in generale è sempre stato da me vissuto con grande paura, sia per una mia esperienza personale di quand'ero bambina, sia per il fatto di aver assistito alla quasi morte di due persone a me vicine, miracolosamente scampata, grazie all'intervento di persone che sapevano cosa fare al momento giusto o che comunque hanno avuto la prontezza di agire, mantenendo la lucidità. Per questo, è nato in me il desiderio di saper gestire queste situazioni, sia per me stessa, che per gli altri. Come ti dicevo però,i pregiudizi delle persone ed in particolare degli addetti ai soccorsi del luogo dove lavoro, mi hanno
impedito di poter arricchire in questo senso il mio bagaglio di conoscenze teoriche e pratiche, facendomi altresì sentire inutile e impossibilitata ad aiutare gli altri in un momento così delicato, che richieda l'uso tempestivo delle manovre di disostruzione o rianimazione. Mi hanno anche fatto credere che sarei stata soggetta a provvedimenti penali, qualora non fossi stata capace di espletare correttamente queste manovre e portare a buon fine il salvataggio di una persona.
Tuttavia, quando ieri sono venuta al tuo corso, mi si sono "aperti gli occhi", il che non è solo una battuta, ma la verità! Infatti, quando sono venuta ero un po' scettica sull'effettiva utilità che questo corso avrebbe potuto avere per me personalmente, viste le cose che mi avevano detto per convincermene.
Tuttavia, quando ho ascoltato la tua lezione di teoria e poi ho fatto le prove pratiche sui manichini, ho capito che, anche una persona non vedente, col suo istinto e la sua sensibilità può riuscire a fare la
differenza in certi momenti così brevi, ma così decisivi per la vita di
un'altra persona. Inoltre, essendo convinta che la vita di un essere umano ha un valore assoluto e superiore ad ogni altra cosa, non posso e non voglio rimanere passiva ad un problema che all'apparenza non sembra così notevole, ma che in realtà può attentare subdolamente e quando meno ce
l'aspettiamo alla vita di una persona. Già siamo così piccoli in confronto alla natura che ci circonda e possiamo incidere così poco sugli eventi che determinano la nostra vita, che non possiamo permetterci di rifiutarci di fare quel poco che è in nostro potere per evitare la morte di una persona. Scusami per il lungo monologo, ma è davvero tutto quello che penso e che sento.
Quindi, conta sulla mia presenza il 12 luglio al corso di rianimazione cardiopolmonare adulto-bambino.
Grazie ancora di tutto e ci vediamo presto!

Stefania C. "

Stefania il 12 luglio sarà con noi, e se lo desidererà davvero ,la porteremo a diventare Istruttore BLSD-PBLSD per creare un gruppo di persone che ci possano aiutare ad avere semrpe i migliori strumenti per comunicare con...TUTTI.

E mi vien in mente un detto che mi ha raccontato un mio amico GIAPPONESE che viene tramandato da molti anni:

" Nessuno lo faceva perchè TUTTI sapevano che NON andava fatto.FIno a che un giorno arrivot' UNO che non lo SAPEVA, e....LO FECE ".

Grazie Stefania, a nome di tutti noi.

Marco Squicciarini e la sua squadra di Amici e sostenitori di Happy Family Onlus.